Menu

Developers Italia Sviluppiamo i servizi pubblici, insieme

Seguici su

Infrastruttura Dati Forestali 3.4.0

IDF

Infrastruttura Dati Forestali


Funzionalità del software

Consultazione dei Piani di Gestione Forestale

Gestione degli interventi e degli eventi dei Piani di Gestione Forestale

Gestione degli Inventari Forestali

Gestione delle Istanze Forestali

AMBITO DI APPLICAZIONE
  • environment
  • agriculture
  • Informazioni di dettaglio

    Infrastruttura Dati Forestali 3.4.0

    IDF

    Ultimo rilascio 2023-12-11 (3.4.0)

    Tipo di manutenzione internal

    Descrizione estesa

    L’Infrastruttura Dati Forestali (in seguito denominata IDF) è un insieme di banche dati e servizi informatici tra loro interconnessi e inseriti nel contesto del Sistema Informativo Forestale Regionale (SIFOR), definito dalla L.R. 4/2009, art. 34, che permette la condivisione di informazioni aggiornate sul comparto forestale piemontese. IDF è rivolta agli operatori del settore forestale: imprenditori, addetti del settore forestale (compresi i tecnici liberi professionisti) e gestori del territorio agroforestale operanti su tutto il territorio regionale (Consorzi, Associazioni forestali che gestiscono superfici pubbliche o private, nonché proprietari di vaste superfici boscate (che si sono dotate di Piani Forestali Aziendali per la gestione delle stesse). Essa comprende le seguenti componenti:

    1) Piani di Gestione Forestale (ex Piani Forestali Aziendali) che permette la consultazione dei Piani di Gestione Forestale (PGF ex PFA) approvati e gestione del relativo registro degli interventi ed eventi. Il Piano di Gestione Forestale (PGF) è lo strumento che permette la programmazione, le richieste di comunicazione e autorizzazioni e la gestione degli interventi selvicolt urali e delle opere connesse. La Legge forestale (l.r. 4/2009) riconosce la funzione dei PGF all’interno del sistema della pianificazione forestale regionale e attribuisce l’iniziativa della redazione dei PGF ai proprietari boschivi pubblici o privati. Ha una durata da 10 a 15 anni, con programma degli interventi selvicolturali flessibile su base triennale o quinquennale. Interessa una superficie di estensione minima indicativa di almeno 50 ettari boscati con gestione attiva, appartenenti anche a proprietà diverse associate o con unico soggetto gestore;

    2) Inventari forestali (produttività dei boschi piemontesi) che permette la gestione, la consultazione alfanumerica e cartografica e le elaborazioni dendrometriche degli inventari forestali. Il ruolo e l’importanza dell’Inventario Forestale Regionale è definito dalla Legge forestale del Piemonte (L.R. 4/09). Esso è una componente essenziale del Piano Forestale Regionale (PF R) (L.R. 4/09 art. 9) e in Piemonte deriva dagli studi per i PFT, che sono stati redatti sull’intera superficie regionale e che costituiscono la fonte di dati rilevati con metodologia omogenea e codificata che ha permesso l’elaborazione dell’inventario. La procedura consente ai gestori del territorio agro-forestale e le imprese boschive di elaborare autonomamente i parametri fondamentali (aree basimetriche, altezze, volumi, incrementi) per definire la produttività dei boschi piemontesi con indicazioni della loro valenza statistica in funzione del campione o delle selezioni territoriali prese in considerazione.

    3) Sistema di gestione delle istanze ai sensi della L.R. 4/2009 (legge forestale) che permette la presentazione e consultazione delle autocertificazioni e dei progetti di compensazione fisica relativi a interventi di trasformazione del bosco, delle comunicazioni semplici e delle richieste di autorizzazione per gli interventi selvicolturali e delle istanze di autorizzazione al recupero di castagneti e noccioleti da frutto. In particolare, la procedura riguarda la compilazione e l’invio ai soggetti regionali competenti di istanze forestali relative ai seguenti procedimenti:

    • Trasformazione del bosco: autocertificazione e dichiarazione d’atto notorio ai sensi del DPR 445/2000

    • Interventi selvicolturali: comunicazioni semplici e autorizzazioni con progetto ai sensi dell’articolo 14 della Legge Regionale n° 4 del 10 Febbraio 2009 ‘’Gestione e promozione economica delle foreste’’;

    presentazione dei progetti di compensazione fisica relativi a interventi di trasformazione del bosco e delle istanze di autorizzazione al recupero di castagneti e noccioleti da frutto.

    IDF rappresenta un valido supporto alle attività di Pianificazione Forestale, di programmazione e verifica dell’ammissibilità degli interventi nell’ambito delle misure di interesse forestale del PSR , facilitando la diffusione delle informazioni relative alla gestione del patrimonio silvo-pastorale, armonizzando i dati territoriali con la base dati geografica di riferimento per il territorio piemontese BDTRE e integrando le funzionalità offerte dalle diverse componenti del sistema, nell’ottica di migliorare la gestione e la fruibilità delle informazioni trattate.

    torna all'inizio dei contenuti