S4T-LR 2.3.6

Lightning-rod

IoTronic è utilizzato al fine di gestire dispositivi IoT, fornendo la possibilità di gestire tali dispositivi durante il loro ciclo vitale

Vitalità:

73%

i

L’indice di vitalità, così come previsto nelle linee guida sull’acquisizione e riuso di software per la PA, è calcolato prendendo in considerazione le seguenti quattro categorie:

  • Code activity: il numero di commit e merge giornalieri;
  • Release history: il numero di release giornaliere;
  • User community: il numero di autori unici;
  • Longevity: l’età del progetto.

I range di ogni misura possono essere trovati nel file vitality-ranges.yml.

Stato di sviluppo: stabile


Funzionalità del software

IoT Management

Fleet IoT Management

Informazioni di dettaglio

S4T-LR 2.3.6

Lightning-rod

Ultimo rilascio 2019-06-19 (2.3.6)

Tipo di manutenzione internal

Descrizione estesa

Stack4Things è un framework per l’Internet of Things sviluppato dal Mobile and Distributed Systems Lab (MDSLab), un laboratorio del dipartimento di Ingegneria dell’Università di Messina. Stack4Things è un progetto open-source che aiuta a gestire le flotte di dispositivi IoT senza preoccuparsi della loro posizione fisica, della loro configurazione di rete, della tecnologia sottostante. Si tratta di una soluzione orizzontale orientata al Cloud (che può essere integrata con OpenStack) che fornisce la virtualizzazione, la personalizzazione e l’orchestrazione degli oggetti dell’internet degli oggetti. Stack4Things fornisce un’esperienza “out-of-the-box” su diversi dei più popolari sistemi embedded e mobili.

Stack4Things coinvolge due componenti principali: il servizio IoTronic e la sonda Lightning-rod. IoTronic è il servizio Cloud-side che permette agli utenti di gestire le risorse dell’internet degli oggetti. Lightning-rod è la sonda IoT-side che funge da controparte IoTronic che collega il dispositivo al Cloud. Entrambi i componenti sono implementati in Node.js. Stack4things nella sua versione standalone è solo parzialmente integrato con OpenStack (può utilizzare il servizio Neutron come back-end per la gestione della rete). Questa versione è stata implementata principalmente per motivi di ricerca. Per la versione standalone è disponibile anche una bozza di dashboard Web.

Stack4Things è un IaaS dedicato all’IoT capace di esporre delle REST API che permettano la gestione di device IoT denominati all’interno del framework come “board”. La struttura di tale sistema è conforme a quella dei servizi sviluppati all’interno di OpenStack a cui per l’appunto si può interfacciare per il suo funzionamento. L’architettura del sistema si concentra sulla comunicazione tra gli user e i nodi IoT. Il sistema è caratterizzato da due entità S4T IoTronic (parte Cloud dell’infrastruttura) e S4T lightning-rod (lato IoT dell’infrastruttura). Questo sistema consente di realizzare varie azioni volte alla gestione di dispositivi IoT, come:

● la Gestione di Board – registrazione, cancellazione, invio di comandi -

● Plugin – iniettare pezzi di codice custom da fare eseguire sulla Board

● Servizi – Permettere di accedere a servizi installati su una Board

● Virtual Network – organizzare reti interne tra board

● Web Service – Espone servizi http sulle Board in modo sicuro con encription e2e

In particolare il sistema dal lato della board esegue direttamente sul MPU ed interagisce con gli strumenti del S.O. ed i servizi della board, ovvero avrà accesso ai sensori e agli attuatori forniti dal dispositivo attraverso i pins di I/O. Lightning-rod rappresenta il punto di contatto tra la scheda e il Cloud, permettendo all’user di pilotare la scheda anche se essa è posta dietro un firewall molto restrittivo o un sistema di Natting. La comunicazione viene assicurata attraverso WAMP. La controparte lato Cloud, che abbiamo detto essere il servizio IoTronic di Stack4Things è implementato secondo gli standard dei servizi OpenStack, al fine di fornire la possibilità di gestire uno o più dispositivi IoT remoti.

L’architettura del sistema lato IoT prevede che sul dispositivo sia opererante come S.O. in esecuzione sul MCU del dispositivo BaTHOS, mentre si assume che lato MPU sia presente una distribuzione derivante da OpenWRT (o quanto meno una S.O. UNIX-like). BaTHOS grazie alle estensioni indicate come MCUIO sarà in grado di esporre i pin digitali-analogici-I/O al SO operante sul MPU. La comunicazione nel sistema è gestita attraverso vari bus seriali. Inoltre, tra le funzionalità fornite dai moduli del kernel relativi a MCUIO includono le enumerazioni dei pin oltre che l’esportazione degli handler corrispondenti degli I/O come i-nodes del virtual file-system sysfs. Sopra l’astrazione sysfs, che è conforme alle assunzioni comuni su filesystem UNIX-like, vi è la necessità di mediare l’accesso per mezzo di un insieme di librerie ispirate a MCUIO, ovvero le librerie sysfs di Stack4Things MCUIO. Tali librerie rappresentano l’interfaccia rispetto al file-system sysfs MCUIO che gestisce le richieste di lettura e scrittura in termini di concorrenza. Questo viene fatto al giusto livello di astrazione semantica, ovvero bloccando e rilasciando le risorse in base alle prenotazioni e in un modo che dipende dai requisiti derivanti dal comportamento tipico dei pin di I/O per uso generale e da altri requisiti specifici per le risorse di sensing e actuating. Il lightning-rod engine è il cuore di questa parte di architettura, infatti esso interagisce con il cloud per mezzo di connessioni ad uno specifico WAMP router attraverso comunicazioni su canali di tipo full-duplex che inviano e ricevono dati dal cloud eseguendo comandi provenienti dagli user del Cloud La comunicazione con il Cloud è assicurata da una serie di librerie che implementano le funzionalità lato client del protocollo WAMP (librerie WAMP Stack4Things). Inoltre, un set di librerie WebSocket (Stack4Things wstunnel library) consente all’engine di agire come un tunneling inverso WebSocket server, connettendosi a uno specifico server WebSocket in esecuzione nel Cloud. Ciò consente ai servizi interni di essere direttamente accessibili da utenti esterni attraverso il tunnel WebSocket il cui traffico in entrata viene automaticamente inoltrato al daemon interno (ad esempio, SSH, HTTP, Telnet) preso in considerazione. Il traffico in uscita viene reindirizzato al tunnel WebSocket e alla fine raggiunge l’utente finale che si connette al server WebSocket in esecuzione nel Cloud per interagire con il servizio della scheda. Il “lightning-rod engine” di Stack4Things implementa anche un caricatore di plugin. I plug-in personalizzati possono essere iniettati dal cloud ed eseguiti sul caricatore di plugin per implementare comandi specifici definiti dall’utente, possibilmente incluse interazioni a livello di sistema, ad es. con un gestore di pacchetti o il sottosistema di gestione dei runlevel.

Altri software che potrebbero interessarti

torna all'inizio dei contenuti