Menu

Developers Italia Sviluppiamo i servizi pubblici, insieme

Seguici su

prog-servizi

Programma Biennale

Il sistema di raccolta degli interventi da realizzare tramite contratti pubblici di beni e servizi consente di redigere il relativo Programma

Vitalità:

46%

i

L’indice di vitalità, così come previsto nelle linee guida sull’acquisizione e riuso di software per la PA, è calcolato prendendo in considerazione le seguenti quattro categorie:

  • Code activity: il numero di commit e merge giornalieri;
  • Release history: il numero di release giornaliere;
  • User community: il numero di autori unici;
  • Longevity: l’età del progetto.

I range di ogni misura possono essere trovati nel file vitality-ranges.yml.

Stato di sviluppo: obsoleto


Funzionalità del software

inserimento/importazione untenti e servizi/struttura PA

inserimento e esportazione di acquisti di beni e servizi

profilazione utenti e relativi permessi

definizione cronoprogramma di apertura e chiusura programmazione

pubblicazione programma tramite web services

definizione gruppo di lavoro relativo ad un acquisto di beni e servizi

AMBITO DI APPLICAZIONE
  • local-authorities
  • Informazioni di dettaglio

    prog-servizi

    Programma Biennale

    Ultimo rilascio 2021-11-05

    Tipo di manutenzione internal

    Contatto tecnico

    Marco Aureli +393469593378

    Lingue supportate Italiano

    Descrizione estesa

    Il sistema di raccolta degli interventi da realizzare tramite contratti pubblici di beni e servizi consente di redigere compiutamente il “Programma Biennale degli acquisti di beni e servizi” ai sensi dell’art. 21 del D.Lgs. n50/2016 e del “Regolamento recante procedure e schemi-tipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale dei lavori pubblici, del programma biennale per l’acquisizione di forniture e servizi e dei relativi elenchi annuali e aggiornamenti annuali” adottato con decreto n°14 del 16 gennaio 2018 dal Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze (nel seguito DM 14/2018).

    In particolare, il sistema consente ai RUP ex art. 31 del D.Lgs. n.50/2016, immediatamente dopo l’approvazione del bilancio triennale di previsione, di:

    1. Inserire in apposite “schede intervento”, strutturate in analogia ai Prospetti Economici proposti da ITACA, i valori qualificativi e quantificativi essenziali di tutti i progetti che si intendono realizzare nel biennio, indipendentemente dal loro valore, in coerenza a quanto approvato dalla Giunta Regionale nel Bilancio Finanziario gestionale (BFG);

    2. Aggiornare motivatamente l’ultimo programma approvato ovvero:

      1. confermare gli interventi già avviati, inserendo i riferimenti al codice gara assegnato dal sistema GT-SUAM e la data di avvio della relativa procedura di affidamento;
      2. eliminare gli eventuali interventi che non si intendono riproporre indicandone una breve motivazione, secondo quanto previsto dalla tabella C del DM 14/2018;
      3. confermare o modificare i valori degli eventuali previsti per l’anno corrente;

    In base ai valori inseriti dai RUP, il Responsabile Regionale del Programma potrà:

    1. identificare eventuali interventi accorpabili in un’unica procedura di affidamento;

    2. redigere e pubblicare il programma biennale secondo la normativa vigente.

    Successivamente alla pubblicazione, il sistema consentirà di consultare il programma approvato e le strutture delegate a svolgere le procedure di affidamento (SUAM, Provveditorato, Informatica o struttura committente) potranno programmare le rispettive attività annuali, in base ai carichi di lavoro previsti ed alle priorità che ciascun RUP avrà indicato nelle relative schede di intervento.

    torna all'inizio dei contenuti