Dorsale Interoperabile PA 1.2020.5.13

Dorsale Interoperabile PA

Dorsale Interoperabile: Clinical Data Repository (CDR), Enterprise Master Patient Index (MPI), OrderEntry (OE)

Dettagli tecnici

Vitalità:

50%

i

L’indice di vitalità, così come previsto nelle linee guida sull’acquisizione e riuso di software per la PA, è calcolato prendendo in considerazione le seguenti quattro categorie:

  • Code activity: il numero di commit e merge giornalieri;
  • Release history: il numero di release giornaliere;
  • User community: il numero di autori unici;
  • Longevity: l’età del progetto.

I range di ogni misura possono essere trovati nel file vitality-ranges.yml.

Stato di sviluppo: stabile


Funzionalità del software

Clinical Data Repository (CDR)

Enterprise Master Patient Index (MPI)

OrderEntry (OE)

Print Manager (stampa automatizzata dei referti)

Print Dispatcher (stampa automatizzata delle etichette)

Generazione dei CDA e Invio dei referti verso Fascicolo Sanitario Emilia Romagna

Portale Web Consultazione Utente

Portale Web di Amministrazione, Monitoraggio e Configurazione

Integrazione con il Fascicolo Sanitario Emilia Romagna

Banca Dati Farmaci

Codifiche ICD9

Codifiche SOLE

AUSL Reggio Emilia

Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena

AMBITO DI APPLICAZIONE
  • healthcare
  • research
  • emergency-services
  • Informazioni di dettaglio

    Dorsale Interoperabile PA 1.2020.5.13

    Dorsale Interoperabile PA

    Ultimo rilascio 2020-05-13 (1.2020.5.13)

    Tipo di manutenzione contract

    Contratto con Progel SpA fino al 2022-12-31

    Contatto tecnico

    Marco Foracchia +393346478393

    Documentazione API Dorsale Interoperabile PA API

    Descrizione estesa

    COME FUNZIONA

    Il DM Dorsale Interoperabile è la soluzione software che estende il sistema informativo ospedaliero di una Organizzazione Sanitaria.

    Il Dispositivo Medico Dorsale Interoperabile offre un sistema aperto e interoperabile per la concentrazione di informazioni e la spedizione di messaggi in formato elettronico, contenenti informazioni di rilevanza clinica.

    Scopo del Dispositivo Medico Dorsale Interoperabile è quello di:

    • concentrare le informazioni di rilevanza clinica in formato elettronico, con una visione paziente-centrica e organizzata per episodi di cura;

    • semplificare ed ottimizzare i flussi di richiesta e refertazione tra i sistemi richiedenti (es. Cartelle Clinica) ed eroganti (es. Laboratorio), che fanno parte del sistema informativo ospedaliero di una organizzazione sanitaria e che siano stati correttamente integrati con il dispositivo.

    Le funzioni di trasmissione dati della DI sono applicabili a tutti gli assistiti e ai pazienti gestiti da una Organizzazione Sanitaria.

    Il software permette di integrare i sistemi informativi dipartimentali in uso presso le varie Unità Operative, mediante connettori sviluppati ad hoc, semplificando le attività degli operatori di richiedere e/o erogare prestazioni.

    Alcuni esempi di sistemi richiedenti sono:

    • cartella clinica informatizzata,

    • software di accettazione,

    • software di refertazione,

    • ecc.

    Alcuni esempi di sistemi eroganti sono:

    • LIS – software di refertazione del Laboratorio,

    • RIS - software di refertazione della Diagnostica per immagini,

    • software di refertazione di Specialistica ambulatoriale,

    • ecc.

    Il DM Dorsale Interoperabile utilizza le integrazioni con i vari sistemi dipartimentali per:

    • fornire agli operatori sanitari autorizzati una panoramica completa e basata sullo storico clinico dei pazienti;

    • permettere agli operatori clinici e sanitari autorizzati di richiedere prestazioni dai propri applicativi e/o dispositivi di uso quotidiano, e ricevere i referti con la medesima modalità.

    I BENEFICI

    L’adozione della soluzione comporta benefici sia al paziente che all’Organizzazione Sanitaria.

    Per i pazienti:

    • miglioramento del percorso di cura,

    • aumento della sicurezza,

    • riduzione del rischio di errore da parte del personale sanitario,

    I vantaggi per il paziente risiedono, sostanzialmente, nell’ottimizzazione dei tempi e delle modalità con sui si applicano i percorsi di cura.

    Per l’Organizzazione Sanitaria, per le attività delle unità operative:

    • semplificazione,

    • ottimizzazione dei flussi informativi

    La soluzione fornisce al personale sanitario uno strumento di supporto efficace nelle attività di richiesta e consultazione, che sostituisce l’unica alternativa di esecuzione basate su carta.

    LA SOLUZIONE

    L’infrastruttura tecnologica della Dorsale Interoperabile è costituita da:

    • un repository centralizzato e segmentato,

    • un middleware di comunicazione asincrona (bus),

    • servizi di integrazione applicativa (Web Service), dei connettori di integrazione (con altri sistemi informativi),

    • portali tematici riservati agli operatori (operatori clinico sanitari) ed agli amministratori (tecnici informatici).

    Il modello dei dati e delle mappe di archiviazione dei dati adottato per il modulo DWH della Dorsale Interoperabile è di tipo ibrido Centralized Data e sfrutta la configurazione classica relazionale per gli attributi non sparsi di entità “stabili” e la configurazione EAV per gli attributi sparsi e/o “variabili”.

    Il principale vantaggio nell’adozione del modello ibrido risiede nella flessibilità di gestire con rapidità nuove entità o attributi, utili per la cura del paziente.

    Per i moduli CORE della Dorsale Interoperabile sono stati progettati e sviluppati dei servizi di integrazione dati (import e export) basati tecnologicamente su SOAP, ma ispirati allo standard HL7 al fine di:

    • utilizzare nomenclature e mappe di scambio delle informazioni standard, per ridurre il rischio di errata correlazione tra i dati e facilitare lo sviluppo ed i test nelle situazioni di • integrazione con sistemi di diversa natura o tecnologia;

    • garantire una maggiore stabilità ed usabilità delle informazioni, in relazione alle valutazioni cliniche di cura e delle indagini epidemiologiche o su particolari popolazioni di pazienti.

    Ogni modifica apportata da terze parti al Dispositivo Medico Dorsale Interoperabile dovrà essere oggetto di ricertificazione da parte di un Mantainer che ha i requisiti in vigore nel rispetto della norma ISO 13485.

    torna all'inizio dei contenuti